Non esiste un’organizzazione che può dirsi perfetta. Esiste l’organizzazione con il proprio DNA, la propria configurazione, architettura organizzativa, risorse, capacità, leadership e intento strategico. Invece di cercare la forma organizzativa perfetta, bisogna imparare a creare il modello ideale di riferimento, il modello eccellente dell’organizzazione, che deve essere adatto al compito da realizzare. È responsabilità dei dentisti o di chi si occupa del management e di tutta l’organizzazione cercare, sviluppare, provare e spingere lo “Studio Dentistico” e la sua attività reale ad avvicinarsi il più possibile al modello ideale di riferimento, che esprime l’eccellenza per il proprio business. Il modello ideale di riferimento si ottiene misurando gli scostamenti che devono essere colmati, rispetto allo status quo, rispetto all’attuale situazione organizzativa. Uno strumento che deve essere utilizzato in questa ricerca dei processi decisionali è denominato Benchmark (figura). Il Benchmark dello Studio dentistico è una metodologia di misurazione che va impostata generando un parallelo tra il proprio modello di organizzazione ed il confronto sistematico con modelli migliori. Utilizzando questa metodologia si può apprendere comparando, per migliorare. Nella figura osserviamo che molte delle voci prese in considerazione in questo Studio dentistico di esempio, sono addirittura migliori del livello raggiunto dalle organizzazioni similari. In questo caso stiamo parlando di un cliente dentista che ha raggiunto ottimi livelli di organizzazione attraverso una crescita manageriale frutto dell’abbinamento di formazione e consulenza.  Come potete facilmente osservare dallo schema, l’unico punto che deve essere migliorato rispetto al Benchmark è la Qualità della vita in Studio per eccesso di attività ed analisi di clima (…ma ci stiamo lavorando). Per definire i valori delle colonne “Indice di azienda” che vanno confrontati con gli altri valori “Benchmark”, è importante costruire una serie di processi di valutazione. In questo caso il ruolo del consulente manageriale è fondamentale in termini di esperienza e di conoscenza specialistica. Non basta affidarsi ad un consulente che conosce il management e le leggi che governano la gestione aziendale, serve un professionista che abbia conoscenze specifiche e dettagliate sul mercato di riferimento (l’odontoiatria del territorio in cui opera lo Studio), per poter disporre dei dati necessari, rispetto ai quelli confrontare la propria organizzazione. Nell’esempio della figura, leggiamo che alla voce “Management & Leadership”, dato 100 il valore massimo, l’indice Benchmark è 64/100, mentre il nostro cliente ha potuto superare ottenendo un “Indice di azienda” pari a 74/100. In pratica è stata creata una lista dei migliori studi dentistici ed è stato somministrato un questionario ad un certo numero di persone. Il questionario conteneva una serie di domande il cui totale dava 100 ed il punteggio massimo ottenuto, riferito alla voce “Management & Leadership” è stato 64/100. Quando lo stesso questionario è stato somministrato ai pazienti dello Studio, il punteggio è stato 74/100. Quindi i pazienti dello studio del nostro cliente gli riconoscono un valore di “Management & Leadership” maggiore, rispetto a quelli intervistati sul mercato di riferimento. Il confronto con gli altri Studi dentistici ha dato esito positivo sul Benchmark e quindi, ritornando alla domanda iniziale della NL, l’organizzazione perfetta dello Studio in esame è da ricercare in funzione di un obiettivo raggiungibile è misurabile, reale ed economico, che preveda un sistema di misurazione oggettivo. L’errore è teorizzare una perfezione che non esiste, diventare maniaci di un controllo eccessivo che genera solo costi ulteriori e nessuna reale utilità, operare in modo maniacale ed ideale senza definire obiettivi realmente raggiungibili, non considerare gli aspetti fisiologici del mercato e per questo gli indici di Benchmark sono fondamentali. Certamente è necessario che nella valutazione del proprio modello organizzativo ottimale, il dentista sia supportato da consulenti di estrema capacità e specializzazione nel settore. Nelle nostre numerose consulenze, in più di venti anni di attività, abbiamo spesso dovuto riformulare il modello organizzativo che era stato dal cliente sulle basi di suggerimenti non supportati da analisi professionali e quindi senza una adeguato ritorno sugli investimenti.

Bibliografia: una semplice lettura di approfondimento, in questo caso può essere https://it.m.wikipedia.org/wiki/Benchmark_(economia)


Frequenta il CPA – Corso Pratico Annuale di Management e Marketing in Odontoiatria, affrontiamo in modo molto operativo ed a 360º tutte le strategie di successo nelle risorse economiche, umane e di mercato.

I temi sono sempre trattati in modo che la teoria e la pratica a confronto generino il nostro valore eccellente della formazione, con una didattica estremamente partecipativa ed un Tutor dedicato per aiutare tutti i partecipanti.

Per informazioni clicca qui:

https://www.arianto.it/wp/corso-annuale-cpa-professore-antonio-pelliccia/