La nostra vita è costantemente piena di distrazioni. Fateci caso, provate a contare in un solo giorno quante volte il vostro lavoro o il vostro tempo libero sono interrotti da telefonate, TV, social network, SMS, messaggi di Whatsapp, richieste di aiuto da parte di altri che potrebbero spesso cavarsela da soli… quando si svolge un’attività dove le scadenze sono spesso incombenti, queste continue distrazioni generano solo perdite di tempo, producendo un grande impatto negativo sulla nostra capacità produttiva, generando stress.

La situazione può aggravarsi se si dorme poco e male. L’inefficacia determinata da fattori relativi ad una scorretta organizzazione producono anche la diminuzione d’interesse professionale e lavorativo.

Cosa possiamo fare per evitare queste situazioni di inefficacia ed inefficienza e ridurre lo stress?

Il primo suggerimento che viene spontaneo considerare è quello di imparare a tenere sempre in mente l’obiettivo.

Di fronte ad un progetto, di grandi o piccole dimensioni, è facile perdere di vista l’obiettivo finale. E’ importante continuare a ricordare a voi stessi che ogni tassello del lavoro preventivato deve essere compiuto. Per questo consiglio sempre di “scrivere gli obiettivi“. È importantissimo stendere un “Action Plan“, sarebbe un quadro generale della situazione, sviluppando ogni punto step-by-step.

Adottare l’agenda mentale giusta nella programmazione personale, che banalmente significa trovare e mantenere la concentrazione. Sembra paradossale, ma la massima concentrazione corrisponde sempre alla massima motivazione.

Per questo incide anche il proprio stile di vita ed è importante volersi bene dedicando anche solo qualche minuto esclusivamente a se stessi durante la giornata. Inutile e ovvio ribadire quanto sia importante una minima costante attività fisica, che può essere anche semplicemente parcheggiare l’auto un po’ più lontano ed andare a piedi per 15 minuti invece che girare intorno allo stabile per cercare un parcheggio.

Gli obiettivi devono essere raggiungibili e non bisogna pensare di fare troppe cose per poi abbandonarle. Questo approccio genera solo frustrazione.

La gestione corretta del tempo è un passo fondamentale per rimanere concentrati sui compiti. Un carico di lavoro eccessivo può scoraggiarci prima ancora di partire e la prospettiva scoraggiante non è di sicuro un buon incentivo alla produttività. È bene stilare una serie di scadenze suddividendo gli step del vostro progetto.

Le pause sono importanti!
Senza le pause la musica non avrebbe armonia e senza le virgole un testo non sarebbe leggibile… sono le giuste pause che ci permettono di riuscire a mantenere alta la concentrazione. Alterna ritmicamente l’ora di lavoro ai cinque minuti di pausa e che sia una pausa vera!

È difficile rimanere concentrati per tante ore consecutivamente, a discapito anche qualità del lavoro. Un errore gravissimo è quello di credere di staccare la spina facendo visita sul social network di turno o il sito che ci informa sui risultati sportivi. Queste non sono vere pause. Meglio rilassarsi con la musica, leggendo o semplicemente sfogliando il caro vecchio giornale.

Vogliamo parlare degli IAD (Internet Addiction Disorders)?

(Prevalence of internet addiction in the general population: results from a German population-based survey Kai W Müller, Heide Glaesmer, Elmar Brähler, Klaus Woelfling, Manfred E Beutel Behaviour & Information Technology 33 (7), 757-766, 2014 – BioMed Research International Volume 2014, Article ID 425924, 8 pages Clinical Study Treatment Outcomes in Patients with Internet Addiction: A Clinical Pilot Study on the Effects of a Cognitive-Behavioral Therapy Program K. Wölfling, M. E. Beutel, M. Dreier, and K. W. Müller)

Anche le persone più preparate e/o determinate possono soffrire di una mancanza di concentrazione ed invasione del livello di responsabilità professionale. Questo può generare perfino mancanza di ispirazione nel riuscire a mettere a fuoco un problema da risolvere.

Gratificatevi.

Focalizzazione e motivazione sono alla base del raggiungimento degli obiettivi.

Non si tratta di una frase fatta. Le nostre decisioni e i ritmi di lavoro sono spesso influenzati da messaggi esterni, prevalentemente strumentali e finalizzati a imprimere nel nostro modo di fare e ragionare determinati bisogni e sentimenti altrui. Se non siamo capaci di mediare tutto questo con gli obiettivi, i nostri sforzi non saranno allineati e i risultati non saranno concreti.

Il fatto che un obiettivo sia importante e forte per noi non implica necessariamente che chi ci sta vicino lo comprenda e ci supporti, anche se a noi sembrerebbe una cosa naturale.

Questo può dipendere anche da una differente condivisione dei valori, oppure dalla paura che chi ci sta vicino percepisce, ma solo perché sono loro che non riuscirebbero a farcela e quindi cercano di proteggerci da una delusione. In realtà può capitare che chi ci vuole bene ostacoli le nostre ambizioni ed obiettivi.

In tutti questi casi si tratta di interazioni esterne che possono intervenire sulla nostra focalizzazione verso gli obiettivi nella misura in cui glielo permettiamo. Chiaramente un buon sistema di misurazione degli obiettivi permette di migliorarli, rendendoli oggettivi e per questo motivandoci sempre maggiormente verso il risultato.

Ma il più delle volte i peggiori nemici siamo proprio noi…

Quando ci poniamo un obiettivo non sempre siamo consapevoli delle motivazioni che ci spingono a raggiungerlo. Saremo portati a credere di avere un nuovo obiettivo, tuttavia molto spesso accade che il nuovo percorso non va a buon fine perché non è quello che vogliamo realmente. Quanto sono stati importanti ad esempio nella mia vita gli approfondimenti e gli studi sulle neuroscienze per determinare e comprendere i processi decisionali!

Se un obiettivo è in contrasto con i nostri valori o ancora rappresenta solamente un desiderio non avremo dentro di noi la forza necessaria per arrivare fino in fondo. Così come gli obiettivi di fatto non costituiscono per noi una priorità, ma sono la priorità di qualcun altro. Per questo affermo sempre che la motivazione di raggiungimento degli obiettivi sono due facce della stessa medaglia!

La capacità di focalizzazione sarà quasi automatica se la nostra motivazione sarà forte. Trovare il modo di raggiungere l’obiettivo sarà una conseguenza diretta e se desideriamo veramente con tutte le nostre forze raggiungere un obiettivo e questo è in linea coi nostri valori, rimanere concentrati su di esso diventerà un fatto naturale.

Gli ostacoli che incontreremo sul nostro percorso ci forniranno un’ulteriore spinta motivazionale verso il risultato finale, potranno magari costituire una temporanea battuta d’arresto, ma che non ci prenderà più del tempo necessario per capire come riorganizzarci.

Mantenere la concentrazione ci aiuta a realizzare quasi qualunque cosa, da passare un esame a finire il lavoro puntualmente. Rimanere focalizzato ti può essere utile per migliorare la tua vita professionale e le tue relazioni personali. Potrai ascoltare e aiutare con più efficacia i tuoi amici ed i tuoi colleghi e collaboratori, ma soprattutto potrai trovare soluzioni e gestire opportunità più rapidamente.

Per capire come mantenere vivi gli obiettivi, raggiungerli ed essere sempre focalizzati riducendo lo stress per migliorare la qualità della vita, frequenta il Post Graduate di Management e Marketing in Odontoiatria – Università Vita Salute S. Raffaele Milano.

Affrontiamo in modo molto operativo ed a 360º questo tema strategico dove teoria e pratica a confronto generano un valore eccellente nella formazione con una didattica estremamente partecipativa ed un Tutor dedicato per aiutare tutti i partecipanti.

Per informazioni clicca qui:

https://www.arianto.it/wp/post-graduate-marketing-management-odontoiatria/