Premessa

Lo studio dentistico è il luogo dove esercita il dentista.
L’impresa è il luogo dove svolge attivià l’imprenditore.

L’obiettivo istituzionale dello studio dentistico (impresa) è di creare valore e ricchezza per il dentista, attraverso un sistema organizzato e pianificabile di gestione ottimale su base aziendalistica.
L’obiettivo professionale del dentista (imprenditore) è di soddisfare le necessità terapeutiche ed i bisogni dei pazienti attraverso capacita cliniche e relazionali su base etica.

Entrambi gli obiettivi richiedono conoscenze specifiche e capacità. Non basta il buon senso e neppure il “copia-incolla”.
In sanità i due obiettivi devono coincidere, bilanciando il risultato economico con i principi dell’etica professionale. E’ da questo binomio, apparentemente dicotomico, che nascono il Marketing Etico e l’Etica del Marketing, ma anche la Qualità.

Questi obiettivi, infatti, non si ottengono per caso, non basta il controllo dei costi, né tanto meno il consiglio di un amico dentista che ha fatto esperienza manageriale.

Per creare valore clinico e ricchezza economica è necessario prima di tutto sapersi porre delle domande. Infatti, perchè studiamo? Per poterci porre le domande giuste! Chi non studia non sa neanche porsi le domande e si accorge delle criticità economiche, di mercato o relazionali, solo quando sono evidenti i sintomi. Per creare valore servono le domande giuste, focalizzazione, impegno, pianificazione, organizzazione, conoscenza e capacità di governo. Non basta l’esperienza. Anzi, è rischioso copiare che ciò che viene raccontato da un collega, non è detto che funzioni anche con voi e che non produca effetti avversi. Come un farmaco, non si assume senza diagnosi, senza aver consultato prima un medico…

Se lo studio dentistico è un’impresa orientata al business, questa dovrebbe costruire il proprio intento strategico considerando che è attiva all’interno di un sistema sanitario, quindi dove la salute viene affidata alle persone di cui abbiamo fiducia. Parliamo di “bene fiducia” e quindi devono essere molto ben comunicati: vision, mission, valori e principi. La business strategy é impostata e misurata per assicurare la convergenza delle politiche verso la vision e creare l’architettura strategica del sistema di gestione e le strategie chiave per raggiungere la propria mission e vision che è Etica, quindi: “soddisfare le necessita terapeutiche ed i bisogni dei pazienti attraverso capacita cliniche e relazionali”.

Esistono diversi modelli concettuali, mentali e applicativi che indicano come modellare il business e di conseguenza come modellare l’architettura organizzativa e i processi dell’impresa.

Ecco la prima sfida: saper conoscere e governare i criteri di analisi di uno studio dentistico.

Se consideriamo che lo studio dentistico, pur non essendo esattamente un’impresa, può essere confrontato con una serie di criteri analoghi, possiamo distinguere due macro-aree:

Fattori manageriali (cosa fa l’azienda-studio dentistico per raggiungere buoni risultati):

1 – Leadership (cultura e coinvolgimento del management)
2 – Gestione del personale
3 – Politiche e strategie
4 – Gestione delle risorse
5 – Processi (regole e procedure, misurazione delle attività)

Risultati gestionali (cosa produce l’azienda-studio dentistico):

6 – Soddisfazione del personale (crescita professionale, motivazione, coinvolgimento)
7 – Soddisfazione del cliente (soddisfazione, fidelizzazione)
8 – Impatto sulla società (Etica, reputazione, CRM Customer Relationship Management)
9 – Risultati di business (risultati economici e finanziari)

La conoscenza di queste due macro-aree è già una strategia ed occuparsene è una delle soluzioni per ottenere il successo professionale.

Il Management Sanitario ed il Marketing Etico devono sempre gestire l’impresa-studio dentistico tenendo sotto controllo certamente il conto economico ma focalizzando l’aumento del profitto solo attraverso la soddisfazione del paziente. Per questo un po’ di pubblicità non basta, anzi…

Quindi al lavoro! Prima cosa, acquisire le conoscenze e poi misurare i Fattori manageriali ed i Risultati gestionali.